2.4. Search Engine Optimization (fattori on site)

Search Engine Optimization

Il posizionamento di un sito sui motori di ricerca (conosciuto come Search Engine Optimization) si divide in due parti; la prima riguarda gli elementi presenti sul proprio sito (fattori on site) che possiamo controllare in modo diretto, e la seconda si riferisce a fattori esterni (fattori off site)) (LINK BUILDING) al sito che possiamo controllare in maniera meno diretta.

Quando si procede con l’ottimizzazione di una singola pagina, si deve tener presente che il numero di parole chiave che si devono utilizzare sono al massimo due.

NOTA BENE: gli argomenti trattati in questa pagina necessitano una conoscenza di base del linguaggio HTML. Per chi ha bisogno di una guida di riferimento può documentarsi presso questa pagina: http://xhtml.html.it/guide/leggi/51/guida-html/

I fattori on site, che contribuiscono in modo determinante al posizionamento di un sito sono:

  1. Nome di dominio: come accennato nella sezione 2.2. Scegli il tuo dominio e il tuo fornitore di hosting è importante, durante la scelta del proprio nome di dominio, cercare per quanto possibile, di inserire due o al massimo tre termini. Questo faciliterà la visibilità del sito sui motori di ricerca. Google infatti da molto valore alle parole chiave che vengono trovate all’interno dell’url della pagina

  2. Url: un altro aspetto da tenere presente nel momento in cui andiamo ad ottimizzare una pagina del sito, è quello di mettere le parole chiave direttamente nell’indirizzo. Esempio, se ci occupiamo di gelatiere professionali e stiamo realizzando una pagina ottimizzata per la funzione autorefrigerante, l’indirizzo consigliato fianle sarà www.gelatiereprofessionali.com/gelatiere-autorefrigeranti.html

  3. Tag Title: questo è un tag molto importante. Il suo contenuto viene utilizzato nei risultati dei motori di ricerca e quindi viene letto dai potenziali visitatori. In questo caso dunque, oltre ad avere un grosso peso specifico nella valutazione dei motori di ricerca, deve essere scritto in modo grammaticalmente corretto. Non deve essere una ripetizione senza senso delle parole chiave che ci interessano ma deve avere un senso compiuto.

    In questo caso un titolo ottimo sia per i motori di ricerca, che per chi legge potrebbe essere “I vantaggi delle gelatiere autorefrigeranti”.

  4. Tag Description: il tag description viene subito dopo il tag title. Anche questo viene utilizzato dai motori di ricerca (non sempre per la verità) nei propri risultati e per questo motivo ha una doppia valenza. È importante per l’indicizzazione ma anche per i visitatori che possono decidere di visitare il vostro sito dopo aver letto il suo contenuto. Il tag description deve rappresentare una breve descrizione del contenuto della pagina e deve ovviamente contenere le parole chiave più importanti. Esempio: “Gelatiere autorefrigeranti: fai il tuo gelato in meno tempo!”

  5. Tag Header (H1, H2, H3 ecc.): questi tag vengono utilizzato ad inizio del paragrafo. Possono avere dimensioni e colori diversi dal resto del testo. Hanno quindi lo scopo per il lettore, e per i motori di ricerca, di mettere subito in evidenza il contenuto della pagina. Anche i tag header devono contenere una o al massimo due keyword.

  6. Densità delle Keyword: la densità delle parole chiave è un fattore importante. In sostanza è la percentuale delle parole chiave rispetto al resto del testo. Il nostro consiglio è di non superare il 4 o 5 %. Cioè su 100 parole, la keyword selezionata non deve essere presente più di 4 o 5 volte. Per verificare la percentuale delle pagine del tuo sito fai riferimento al nostro tool che puoi utilizzare una volta REGISTRATO.

  7. Grassetto, Italico e Sottolineato: dai enfasi alle keyword utilizzando queste semplice tecniche di formattazione.

  1. Attributo ALT: i motori di ricerca non leggono i contenuti delle immagini. Per questo motivo è possibile ottimizzare le immagini in due modi. Il primo prevede la possibilità di nominare il file dell’immagine in questo modo: gelatiere-professionali.jpg. L’altro modo è quello di inserire la parola chiave inserendo una descrizione che può contenere le keyword attraverso il tag alt Esempio <img src=”gelatiere-professionali.jpg” alt=”gelatiere autorefrigeranti”>.
  2. Link interni: l’ottimizzazione di un sito passa anche dalla creazione di link interni fatti nel modo giusto. L’home page del sito è la pagina più importante e per questo motivo tutte le pagine del sito devono avere un link diretto ad essa. Ma come si ottimizzano questi link? Lo scopriamo nel fattore che segue.
  3. Anchor Text: l’anchor text è composto da uno o più keyword e devono essere linkati ad una pagina di approfondimento. Ad esempio, se nella nostra pagina stiamo parlando in generale delle gelatiere professionali e ad un certo punto della frase si parla di gelatiere autorefrigeranti, colleghiamo queste due parole alla pagina dedicata alla gelatiere autorefrigeranti. Esempio HTML: <a href=”gelatiere-autorefrigeranti.html” title=”Cosa sono le gelatiere autorefrigeranti”>gelatiere autorefrigeranti</a>.
  4. NoFollow Tags: se la forza di una pagina è calcolata anche attraverso il numero di link diretti ad essa, per lo stesso motivo, i link che da quella pagina dirigono gli spider dei motori verso siti o pagine di poco valore, potrebbero diminuire o addirittura penalizzare il ranking della pagina in questione. Per questo motivo, con l’intento di preservare il peso di una pagina bisogna aggiungere il tag NoFollow su quei link diretti a pagina non funzionali. Il testo da aggiungere per questo tipo di link è rel=”nofollow”.

È importante tenere presente che tutti i fattori di cui parliamo non devono essere utilizzati contemporaneamente e ad ogni costo. Tenete sempre presente che una pagina ed il suo contenuto devono mantenere la loro fluidità. La lettura della stessa non deve essere in alcun modo essere messa in pericolo. L’esperienza del visitatore su un sito è un aspetto vincolante per la sua riuscita.

Argomento precedente

2.3. Come creare un blog

Argomento successivo

2.5. Usa il contenuto per generare traffico

Accedi per commentare. Non hai un account? Registrati.