2.5. Come individuare una nicchia (terza parte)

Se prima siamo partiti da ricerche generiche per individuare una nicchia profittevole, ora seguiamo un percorso inverso. Come già detto, quando una persona digita il nome di un prodotto, indica chiaramente che è interessato esattamente a quel prodotto e che con molta probabilità è disposto ad acquistarlo.

Per questo proviamo a fare una ricerca utilizzando una marca oppure un prodotto specifico. Guardiamoci intorno per trovare ispirazione e proviamo, per esempio, con Roomba, il noto robot aspirapolvere. Il risultato sarà notevole perché il primo termine che ci suggerisce Google Keyword Tool è “i roomba 520”, cercato addirittura 6.600 volte al mese. E poi tutta una serie di termini che chiaramente indicano il desiderio di acquisto: roomba prezzo (3.600), roomba prezzi (2.900).

Al momento in cui scriviamo, le nicchie di mercato delle “macchine gelato” e “roomba” individuano due nicchie su cui si possono ottenere degli ottimi risultati. Per questo motivo, andare a realizzare dei siti con le tecniche spiegate nella Guida sul Web Marketing, potrebbe riservare ottime risultati in termini di guadagni. E vista la non elevata competizione, sarà possibile ottenere delle vendite anche in poco tempo!

In conclusione, è molto importante notare che l’individuazione di una o più nicchie di mercato è stata fatta seguendo due strade, entrambe valide. La prima strada consente di individuare una nicchia potenzialmente interessante partendo da una lista di parole chiave. La seconda, altrettanto valida, passa attraverso il nome specifico del prodotto o di un marchio. Un prodotto quindi di largo consumo dal quale poi arrivare alla nicchia che fa al caso nostro.

Argomento precedente

2.4. Come individuare una nicchia (seconda parte)

Argomento successivo

2.6. Volume di ricerca

Accedi per commentare. Non hai un account? Registrati.